La scelta dell’obiettivo da usare per le tue uscite è fondamentale, perché sottintende un certo tipo di approccio alla Strada.

Esistono due grandi famiglie di obiettivi: gli zoom e le ottiche fisse.

Gli zoom, come ben sai, sono quelli che ti permettono di variare la cosiddetta “lunghezza focale”, ovvero – in poche parole – di avvicinarti o allontanarti dalla scena, includendo o escludendo elementi dall’inquadratura secondo le tue scelte creative.

Se usi un’ottica fissa, invece, l’unico modo che hai a disposizione per cambiare la distanza dal soggetto è quella di sostituire l’”optional” della ghiera dello zoom con le tue gambe, avvicinandoti o allontanandoti fisicamente dalla scena.

Per esempio, sono ottiche fisse il 35 mm, il 50 mm, l’85 mm.

Quando si parla di fotografia, in generale, sono convinto che non ci siano scelte giuste o sbagliate, ma solo scelte funzionali al risultato che si vuole ottenere.

Anche quella della tipologia di obiettivo da impiegare, quindi, deve essere una decisione presa sulla base di quello che ti fa sentire a tuo agio, ti leva pensieri e ti mette nelle condizioni di concentrarti solo sulla Strada.

Zoom vs. ottiche fisse

Proviamo però a fare un confronto tra zoom e ottiche fisse, giusto per darti una mano ad orientarti su cosa faccia più al caso tuo:

  • lo zoom è più versatile del fisso: puoi passare da una scena d’insieme a un ritratto senza cambiare obiettivo, e aggirarti per le strade senza il timore di perderti una foto perché troppo lontana o troppo vicina.
  • d’altra parte, il fisso ti toglie il pensiero di dover costruire l’inquadratura: la Street Photography richiede grande rapidità d’esecuzione, e il fatto di non dover pensare a quanto zoommare accelera notevolmente i tempi di reazione.
  • L’obiettivo fisso ha innegabilmente una qualità d’immagine più alta rispetto allo zoom, in termini di nitidezza e resa dei colori. Anche l’apertura del diaframma è maggiore nei fissi: uno zoom di alta fascia ha un’apertura f/2,8, mentre un buon fisso arriva tranquillamente a f/1,8. Ciò permette una maggiore sfocatura.
  • E’ anche vero, però, che nella maggior parte dei casi per strada si scatta a diaframma chiuso per avere una buona nitidezza della scena. Quindi dell’f/1,8 ce ne facciamo poco..
  • lo zoom è più pratico: puoi montarne uno con una buona escursione, e uscire di casa solo con quello
  • il fisso è più piccolo e leggero: puoi portarne tranquillamente due o tre in borsa, senza stancare le spalle.
  • piccolo significa anche discreto: sicuramente ti noteranno meno con un 35 mm compatto, che con un “cannone” montato sulla macchina
  • però lo zoom ti permette di scattare anche da lontano, tenendoti in disparte, e togliendoti dal centro dell’attenzione.

Conclusioni: meglio lo zoom o le ottiche fisse?

Insomma, come ti dicevo non c’è una scelta giusta e una sbagliata: valuta solo cosa è meglio per la tua fotografia, senza troppe seghe mentali 😉

Personalmente preferisco le ottiche fisse, perché mi tolgono il pensiero dell’inquadratura e stimolano la mia creatività. Il fatto di non poter zoommare mi obbliga a costruire la scena con quello che posso inquadrare da una certa distanza.

I miei preferiti sono il 28 mm della mia Ricoh GR e il 35 mm.

Consiglio: se decidi di provare con le ottiche fisse, limitati a un paio. Col tempo imparerai a previsualizzare la scena, e a capire cosa vedrai nel fotogramma prima ancora di portare il mirino all’occhio.

Ti stai chiedendo se l’obiettivo fisso possa limitarti in termini di versatilità? Ecco una gallery del mio viaggio a Cuba, dove ho usato il 35 mm per l’80% degli scatti:

so-fineart.com-ragazza-alla-finestra-con-caffè so-fineart.com parrucchiere-havana www.so-fineart.com silhouette-auto-lungo-il-malecon www.so-fineart.com donna-cubana-con-sigaro www.so-fineart.com www.so-fineart.com controluce-al-tramonto www.so-fineart.com www.so-fineart.com www.so-fineart.com coppia-con-ombrello-al-tramonto